Vendere casa all’estero, i nostri consigli

Secondo i dati pubblicati sul report di Gate-away.com, e riportati da numerose testate tra cui il Sole24Ore, vendere casa all’estero potrebbe rappresentare un’ottima opportunità, specie in momenti in cui il mercato immobiliare italiano mostra segni di stallo o addirittura decrescita.

I dati mostrano come gli acquirenti più interessati alle case italiane siano gli americani, i tedeschi e gli inglesi. Nel primo semestre del 2019, si è verificato un aumento notevole delle domande di acquisto, specie al sud (la Sicilia ha visto una crescita del 43%, la Calabria del 40%). La classifica delle regioni italiane più richieste dai potenziali acquirenti stranieri è guidata dalla Toscana, seguita dalla Puglia e dalla Lombardia.

Infine, un dato interessante per i connazionali che intendono vendere casa all’estero riguarda la netta preferenza per abitazioni già ristrutturate (66%) rispetto a quelle da ristrutturare (13%) e al nuovo (8,7%). Tuttavia, avere dati molto positivi non vuol dire automaticamente riuscire a concludere una compravendita in un batter d’occhio. Non bisogna, infatti, dare nulla per scontato e seguire alcuni passaggi fondamentali per la buona riuscita della trattativa.

Come vendere casa all’estero

Che la trattativa avvenga tra privati o tramite la mediazione di un’agenzia, anche quando si decide di vendere casa all’estero occorre seguire un iter e procedere con ordine, così come se ci stessimo rivolgendo al mercato italiano.

I consigli che seguono mirano a preparare il proprietario sui passi fondamentali da compiere e a guidarlo nella sua ricerca di potenziali acquirenti. Vediamo di cosa si tratta.

Prepara la documentazione necessaria

Che si desideri vendere casa all’estero o in Italia, il primo passo per avviare la trattativa è sicuramente fornire tutta la documentazione necessaria.

Per procedere con la compravendita di un immobile occorre infatti disporre di documenti come le planimetrie, le visure catastali, le certificazioni previste per legge. È necessario, poi, che lo stato dell’immobile rispecchi esattamente ciò che viene descritto nei materiali a disposizione. Altrimenti, il rischio è quello di dover rimandare la trattativa e allungarne notevolmente le tempistiche o, peggio ancora, di dover discutere davanti a un Tribunale nel caso in cui qualcosa non sia in regola.

La precisione con la quale la documentazione va reperita e raccolta è solo uno dei tanti motivi per i quali si rivela preziosa la mediazione di un professionista nel momento in cui si decide di vendere casa. Nelle trattative tra privati, che avvengono senza il supporto dell’agenzia immobiliare, è più facile che in questa fase si verifichino spiacevoli errori.

Valuta l’immobile in modo obiettivo

Il secondo passo per poter vendere casa all’estero è la valutazione dell’immobile.

La stima va calcolata sulla base di dati oggettivi, ossia sulle reali condizioni dell’appartamento e dell’edificio in cui si trova. È errato, infatti, pensare che un cliente straniero non badi ai prezzi e sia disposto ad acquistare sempre e comunque, solo per il piacere di possedere un immobile in Italia. Le cose non stanno affatto così; anche all’estero, infatti, l’andamento del mercato immobiliare italiano è ben noto e se uno straniero decide di acquistare casa da noi perché è ben consapevole della diminuzione dei prezzi non si aspetterà di certo una valutazione eccessiva.

Pertanto, anche in questo caso, l’ideale è farsi supportare da un agente immobiliare qualificato che conosca i parametri in base ai quali stabilire il prezzo di un immobile.

Presidia i portali specializzati

Una delle strategie più efficaci per raggiungere la clientela straniera è quella di presidiare i portali di annunci immobiliari a pagamento che si rivolgono al mercato estero.

In questo caso, il suggerimento è quello di compiere una valutazione preliminare prima di pubblicare la propria comunicazione e scegliere con attenzione i portali che sembrano fare più al caso nostro. Se possibile, è bene chiedere un consiglio a un agente immobiliare di fiducia che, per esperienza diretta, saprà guidare l’interessato nell’individuazione dei siti più affidabili.

Cura gli annunci e le immagini

Arrivati a questo punto, un passo importante per vendere casa all’estero è la stesura dell’annuncio e la preparazione del relativo materiale fotografico da corredo. A differenza di quando si scrive un annuncio immobiliare rivolto al mercato italiano, nel caso di una clientela straniera non bisogna dare nulla per scontato. Soprattutto, non bisogna omettere nessun tipo di informazione che potrebbe aiutare il potenziale acquirente a inquadrare la casa, il quartiere e il contesto in cui è immersa. Non è detto, infatti, che uno straniero conosca il territorio di riferimento, persino se si tratta di una località turistica. Dunque, oltre a curare nei minimi dettagli la descrizione dell’immobile elencando tutte le caratteristiche essenziali sulla metratura, la suddivisione degli ambienti, il condominio, la presenza degli arredi, ecc., occorre anche spendere qualche parola per descrivere il paesaggio circostante. L’annuncio, ovviamente, va redatto in lingua inglese o nella lingua del mercato di interesse, avvalendosi del supporto di un traduttore professionista per non rischiare pessime figure.

Passiamo alle immagini. Anche in questo caso, bisogna procedere con estrema cura e attenzione per i dettagli. Le foto che ritraggono l’appartamento devono essere professionali: pertanto, sono da escludere le immagini amatoriali scattate con il cellulare o durante gli orari più bui della giornata. Serve il supporto di un fotografo professionista, che sappia come valorizzare sia gli interni dell’immobile che gli esterni dell’edificio in cui si trova. Inoltre, potrebbe tornare utile una ripresa video globale del palazzo e del suo contesto, magari con l’aiuto di un drone.

Infine, non bisogna assolutamente dimenticare di inserire nella gallery di foto anche la planimetria esatta e chiara dell’appartamento.

Usa i canali social per raggiungere il tuo target

Tra i tanti vantaggi che una corretta gestione dei profili social comporta vi è anche quello di poter entrare in contatto con utenti di tutte le nazionalità. Un elemento da non trascurare nel momento in cui si desidera vendere casa all’estero. La condivisione pressoché incontrollata che avviene su questi canali agisce come un vero e proprio passaparola. Il che permette a un contenuto di diffondersi a macchia d’olio, purché, ovviamente, si tratti di un contenuto di valore. Non a caso, proprio la gestione dei social rientra tra gli strumenti del marketing immobiliare che forniscono un supporto prezioso al raggiungimento degli obiettivi dell’agenzia.

Quando si desidera vendere immobili all’estero, i social tornano particolarmente utili per la trasmissione dei propri annunci e delle immagini delle case in questione. Inoltre, è possibile andare alla ricerca di gruppi di discussione e fanpage dedicate proprio alla compravendita immobiliare nei paesi stranieri e proporre l’immobile direttamente a una community di potenziali acquirenti. Chiaramente, in merito alla creazione degli annunci, anche in questo caso valgono le stesse regole che abbiamo definito nel paragrafo precedente.

Volpi Case è disponibile a fornire maggiori informazioni agli interessati sulla compravendita all’estero. Chiunque desideri vendere o acquistare casa a Milano potrà usufruire della nostra consulenza e della nostra pluriennale esperienza sul territorio.